LE MOSTRE DI TERRY O'NEILL

Terry O’Neill è riuscito, con le sue fotografie, a farsi accettare e stimare nel mondo dell’arte.
Le sue opere vengono esposte nelle gallerie e nei musei d’arte e si ritaglia uno spazio nel mondo della pubblicità.
Si manifesta un crescente interesse per come Terry O’Neill sia stato in grado di fissare un soggetto ed esaltarne la bellezza sulla pellicola, e per il rapporto che è riuscito a instaurare con i soggetti immortalati.
Un rapporto che è riuscito a stringere e mantenere bene con i soggetti che ha fotografato, fino a diventare loro amico, così come si definisce in un’intervista, ma pur sempre in maniera discreta e corretta, senza essere invadente: "Di molti. Con Elton John ci sentiamo ancora. Con Frank Sinatra andavo a bere a Hollywood. E con Brigitte Bardot, a Saint-Tropez, bè, fu un’esperienza piuttosto carina. Ma in genere preferivo mantenere le distanze. L’occhio del fotografo deve rimanere estraneo per essere sincero".
Con la Bardot, in realtà, le distanze le ha mantenute solo perché lei parla francese e lui l’inglese, per cui non riescono a comunicare oltre l’imquadratura e lo scatto.
Terry O’Neill, uno dei più grandi fotografi viventi di oggi, ha pregiato molte città e gallery di musei d’elite con le sue opere, avendo dedicato anni della sua vita a fotografare personaggi iconici, a partire dagli anni Sessanta, personaggi appartenenti a quella che è stata definita la "Swinging London".
Nessuno ha marcato la linea del successo così fortemente e così a lungo come lui.
Infatti, nel panorama della fotografia mondiale nessuno può fregiarsi delle presenze Vip nei propri scatti più di Terry O’Neill, un artista da una storia e una personalità tanto affascinate quanto intrigante.
I forti riscontri positivi che l’artista riceve sono conferma di quanto sia un fotografo stimato e apprezzato in tutto il mondo.
Oggi, numerose sono le gallerie di arte contemporanea e musei importanti che accolgono i suoi ritratti senza tempo, e li selezionano secondo il tema che si decide di trattare e esporre.
Nel 2014 nel museo di "Fondazione Roma", nell’edificio "Cipolla"si è tenuta mostra di esposizione dei personaggi iconici immortalati dall’artista intitolata "Pop Icons".
Nel 2016, a Volterra alla mostra "Icone" c’ è stata un’esposizione fantastica dei suoi migliori scatti.
A partire dal mese di marzo, fino al mese di maggio del 2018 nel "Complesso Vittoriano" di Roma si è tenuta una mostra espositiva dei suoi capolavori, con una sezione speciale tutta dedicata a "David Bowie".
Indimenticabile per chi ha partecipato, la mostra intitolata"Icons", presso il museo di "Palazzo Forti" a Verona con una sezione tutta dedicata a" David Bowie".
A Siena si è tenuta presso la sede della Ph Neutro una mostra di alcuni scatti, e la visione di un video riassuntivo, ma emozionante in cui Terry o Neill racconta un po’ della sua carriera artistica.
Nel corso degli anni Londra, nelle sue varie gallerie d’arte ("Leeds Gallery", "Randsom Art Gallery", "Victoria and Albert Museum", "Getty Museum") ha avuto il pregio di esporre le opere di Terry O’Neill, ammirate nel mondo intero.
Della serie di foto sia a colori, che in bianco e nero scattate alla ex moglie la Faye uno di questi in monocromatico si trova esposto alla gallery "National Portrait"di Londra.
Alcune delle opere esibite in queste mostre arrivano ad avere un valore pari a 8500 dollari, altre partono da un valore di almeno 2500 dollari.
I suoi lavori sono stati esposti in tutto il mondo e, all'età di ottant’anni, lavora ancora alle sue straordinarie raccolte di foto, ai libri che emozionano con parole e immagini,e ai progetti espositivi.

Similar posts:

LA VITA DI TERRY O'NEILL

I CAPOLAVORI DI TERRY O'NEILL